lunedì 29 settembre 2008

BASKET/ ASCOLI AL DEBUTTO CASALINGO SUPERA UNA GRANDE DELLA C2


ASCOLI PICENO – Inizia con un bel successo per 81 a 68 sull'agguerrita Spider Fabriano il massimo Campionato regionale maschile dell'Ascoli Basket di coach Maurizio Caponi (nella foto al centro Caponi tra D'Incecco alla sua destra e Piccioni). Gara in sostanziale equilibrio fino a 6 primi dalla sirena finale. Le affondate più profonde dall’una e l’altra parte non oltrepassavano mai quota 6. Nei primi due quarti insomma le due compagini si sono prese soprattutto le misure. Nel terzo finiva la fase di studio ma da entrambi le parti si stringevano le maglie difensive. Il folto pubblico (grazie anche ad un pullman di ultra ospiti molto corretti) s’apprestava a godersi un palpitante arrivo in volata. A Musumeci, in arte il Gauco, i batticuore sugli spalti piacciono poco ed in un amen affila tre triple negli ultimi 4’ che cambiano il volto alla gara. Ai bianconeri del presidente Prevignano e del gm Francesco Florio non resta che amministrare. Tra gli uomoni di coach Caponi benissimo Elia che oltre alle 30 caramelle si è messo in tasca anche Paulig, bene Bassi, molto concreto, oltre al solito Ognjenovic. Per gli ospiti oltre al solito Venturi, bravo Quercia che ne spara 20 ma pressoché tutti nel solo terzo quarto. Per i ragazzi capitanati da Pietro Bassi dopo questa vittoria non resta che festeggiare consci però che il tempo per far baldoria è davvero contato in quanto sabato saranno di scena a San Benedetto del Tronto per il derby del Piceno. Di seguito i tabellini, gli arbitri ed i parziali. Ascoli: Piccioni 7, Musumeci 20, Di Silvestro 5, Elia 30, Marini, Pierascenzi, Ciccanti, Bassi, D’Incecco 6, Ognjenovic 13. All. Caponi. Fabriano: Santini 6, Moscatelli 6, Venturi 13, Carnevali, Paulig 17, Gatti 6, Quercia 20, Sforza, Prioretti. All. Cerini. Arbitri: Zamponi e Salvatelli di Macerata. Parziali: 22-20; 15-19; 19-17; 25-12.

sabato 27 settembre 2008

PICENO / PETRELLI: BENE SANTORI SU CONSIND, SVANTAGGIOSO ELIMINARLO

ASCOLI PICENO – “Ha ragione il vicepresidente dell’Assemblea legislativa regionale, l’avvocato Vittorio Santori, la struttura consortile e le finalità istituzionali del Piceno Consind risultano ancora adeguati al nostro territorio che patisce davvero da anni, più d’ogni altra provincia marchigiana, penurie d’infrastrutture e mancanza di un reale piano di sviluppo delle attività produttive. E' svantaggioso sopprimere una struttura disponibile, solo perché mal gestita da una politica senza controlli”. Lo dichiara il vicesegretario provinciale della Dca/Pdl, Francesco Petrelli. “L’istituzione di una Commissione d'indagine – prosegue l’esponente locale del partito del ministro del Governo Berlusconi, Gianfranco Rotondi - per fare chiarezza sugli errori e sulle illegittimità commesse, come tentata da Santori, sarebbe stata effettivamente necessaria in modo da evitare che i responsabili potessero continuare ad operare indisturbati. Chi ha reso vano tale tentativo non può non essere considerato corresponsabile della mala gestione”.“La Regione Marche – conclude Petrelli -, titolare di una partecipazione pari al 30% del capitale del Consind, nonché per legge titolare della funzione di controllo, adesso che ha anche insignito un Assessore al Piceno, se davvero intende esercitare i propri diritti e le proprie facoltà nell'interesse dei cittadini del nostro territorio non si lasci sfuggire anche l’opportunità offerta dalla vicenda del Consind”.

ASUR/ CASTELLI: MANCANO I SOLDI PER LE GARZE MA IN REGIONE SI ASSUMONO CONSULENTI A TUTTO SPIANO

di GUIDO CASTELLI*
ANCONA - Le casse della sanità regionale languono e l'Asur chiede sacrifici ai territori per contenere le spese. Ma, nel mentre i primi report del bilancio 2008 documentano preoccupanti flessioni (basti pensare al buco di otto milioni di euro da recuperare a causa della mobilità passiva), il Direttore Generale dell'Azienda Sanitaria Regionale continua imperterrito ad assumere consulenti e collaboratori. Già prima dell’estate, nel breve volgere di due mesi (tra il 13 giugno e il 5 agosto 2008), il mega manager Roberto Malucelli aveva disposto l'assunzione di ben 12 (diconsi dodici) nuovi collaboratori (spesa 230.000 euro). Si trattava di laureati in legge, esperti nel monitoraggio della spesa farmaceutica, informatici, addetti al Call Center (e via discorrendo) a dimostrazione della fantasia sfrenata dell'Azienda nell'assegnazione di consulenze e incarichi molto ben redditizi. Non pago di ciò, tuttavia, Malucelli ha voluto superare se stesso. E così lo scorso 17 settembre ha disposto l’assunzione di altri 9 collaboratori per l’area Economica-Finanziaria ed Informatica. Costo dell’operazione : 252.541,80 euro. C’è da rimanere ammutoliti. La Giunta approva leggi per ridurre gli sprechi di enti e partecipate ma poi moltiplica i costi del sistema inserendo consulenti e collaboratori d’ogni sorta all’interno dei propri organici. Per non dire del precariato che, a parole, si dice di voler combattere ma che alla prova dei fatti viene alimentato da questo massiccio ed estenuante arruolamento di consulenti. Non c’è da stupirsi: l’Asur marchigiana ci ha abituato ai paradossi. Bruciare in consulenze quasi 500.000 euro nell'arco di appena tre mesi è uno di questi. Tanto a pagare resta sempre Pantalone.
*consigliere regionale

venerdì 26 settembre 2008

APPIGNANO DEL T./ PRESENTAZIONE DEL VOLUME SU FRANCESCO D’APPIGNANO E CONVEGNO SU STORIA DELLA MEDICINA

APPIGNANO DEL TRONTO – Il prossimo sabato 4 ottobre ad Appignano del Tronto si svolgerà a partire dalle ore 16 la presentazione del volume, a cura del professor Domenico Priori, degli “Atti del IV Convegno Internazionale su Francesco d’Appignano”, svoltosi lo scorso anno. Ad illustrare il volume è stato chiamato il professor Andrea Tabarroni, preside della Facoltà di Filosofia dell’Università di Udine. Ai partecipanti sarà offerto dall’Amministrazione Comunale di Appignano e dal Centro Studi Francesco d’Appignano una copia in omaggio del volume. Il pomeriggio appignanese proseguirà poi con un interessante convegno sulla Storia della Medicina. La professoressa Romana Martorelli dell’Università di Urbino parlerà del “Nascere nel Medioevo. Dal concepimento al parto”. A seguire la professoressa Chiara Crisciani, dell’Università di Pavia, relazionerà su “La medicina medievale e le promesse di lunga vita”. Più vicino ai nostri tempi, secolo XIX, sarà infinel’intervento del dottor Ermanno Ruffini, noto ed apprezzato pediatra presso l’ospedale di Ascoli Piceno, che illustrerà la figura di uno dei pionieri della medicina sociale italiana, l’appignanese Ruggero Marchei.

CASTEL DI LAMA/ CALCIO A 5, LA FINALE D’ANDATA DELLA VARIEGATO CUP FINISCE 11 PARI

CASTEL DI LAMA – Si è svolta nei giorni scorsi presso il campo da calcetto vicino i campi da tennis di Castel di Lama, la prima gara di finale della Variegato Cup. Una di fronte all’altra c’erano la Fc Castel di Lama e la pagine del regista Mirko Traini, la guidata dall’insormontabile Matteo Cicconi e composta da: Fabio, Ken il Guerriero, Matteo Cotechiño nonché la mezz’ala Stefano Santini, l’altra formata oltre a Traini, da Walter Buonamassa, Cristian Petrelli, Vocaliño ed il bomber Euplio. La partita, ornata da un pubblico non delle grandi occasioni per via del brutto tempo, è finita in uno spumeggiante 11 a 11, dove nessuna squadra è riuscita a prevalere sull’altra, ma dove si è visto di tutto: gol di rapina, errori da parte dei portieri, gol sbagliati a porta vuota insomma, chi più ne ha più ne metta. Da segnalare per la squadra di casa un poker di Matteo Crotali, detto il Cotechiño per via della sua folta chioma, ma che purtroppo i suoi gol non sono bastati per prevalere sugli avversari. Partita molto equilibrata, con i soliti lanci dei giocatori della squadra di casa, e le solite ripartenze da parte degli ospiti, soprattutto con Mirko Traini e Cristian Petrelli, che uno a uno si bevevano gli avversari, per poi servire Vocale appostato davanti, o lo statico Euplio, statico sì, ma ottimo per le sponde aeree. Per gli ospiti invece degne di nota sono una tripletta di Cristian Petrelli, oltre ai soliti gol di Mirko Traini, e pure un bellissimo gol di Vocale che ha trafitto Fabio liberandosi di Ken spalle alla porta, tirando poi al volo di contro balzo, mettendo la palla dove nessun portiere poteva arrivare, portando i suoi sul momentaneo 6-5. Degli ospiti non ha brillato, a discapito di altre volte, il bomber Euplio, e un episodio che riassume tutta la sua giornata è quello al 42’, quando solo davanti alla porta e col portiere fuori causa è riuscito nell’impresa di tirare la palla fuori, cosa non certo da lui, provocando le risate offensive del capitano avversario Matteo Cicconi, che alla fine ha commentato: “i meccanismi della mia squadra hanno girato bene, anche se in difesa abbiamo lasciato parecchio a desiderare, ma sono contento per ciò che abbiamo fatto davanti, con Ken, Fabio e Cotechiño scatenati, specie quest’ultimo che stasera era inarrestabile, e non hanno fatto rimpiangere la pesantissima assenza del mio fiore all’occhiello Niccolò Crosta. Sono dispiaciuto per il risultato, spero di far bene al ritorno e dovremo rivedere alcuni schemi. Il ritorno infatti ci sarà la prossima settimana e si attende un match vibrante.

ASCOLI PICENO/ CONSIGLIO PROVINCIALE: VARIAZIONE DI BILANCIO, DELIBERA DI EQUILIBRIO E LINEE DI INDIRIZZO PER I CONSORZI

ASCOLI PICENO - Il Consiglio Provinciale è stato convocato per martedì 30 settembre alle ore 15.30, a Palazzo S. Filippo, con 11 punti all’ordine del giorno tra cui si segnalano:
- tre ordini del giorno: il primo, su proposta della Conferenza dei capigruppo consiliari, chiede al Presidente e alla Giunta di aderire all’appello dell’Avis per trovare una soluzione al problema della carenza di sangue e plasma nella nostra Regione adoperandosi nelle opportune sedi istituzionali per un assetto organizzativo che consenta al sistema sanitario marchigiano di raggiungere l’autosufficienza. Il secondo, a firma dell’assessore all’ambiente Manuela Marchetti, riguarda il sostegno istituzionale all’iniziativa della Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) per la tutela di chi sceglie la bicicletta per recarsi al lavoro. La Fiab propone, infatti, di integrare l’art. 12 del Decreto legislativo 38/2000 estendendo la copertura assicurativa per l’uso della bicicletta anche in caso di percorsi brevi o di possibile utilizzo del mezzo pubblico. Il terzo ordine del giorno, infine, è quello presentato dal consigliere Gianluca Vagnarelli che impegna il Consiglio provinciale a manifestare la contrarietà alle scelte del Governo in materia nucleare e ad esprimere “l’assoluta indisponibilità del territorio della provincia di Ascoli Piceno ad ospitare siti per la costruzione di centrali nucleari, lo stoccaggio di rifiuti tossici o qualsivoglia altra struttura similare”;
- la designazione dei 4 rappresentanti della Provincia in seno al Consiglio Generale di Piceno Consind in ottemperanza all’art. 13 dello statuto dell’Ente consortile che prevede tale adempimento almeno tre mesi della scadenza quinquennale dell’organo;
- l’atto che determina gli indirizzi in tema di partecipazione della Provincia nei Consorzi. Come noto, infatti, la legge finanziaria 2008 consente agli Enti locali l’adesione ad una sola forma associativa per ciascuna di quelle previste. Pertanto, la delibera propone al Consiglio provinciale di confermare la propria adesione al Consorzio Universitario Piceno, di recedere dai Consorzi musicali “Spontini” di Ascoli Piceno e “Vivaldi” di San Benedetto del Tronto e di procedere alla costituzione di apposte Fondazioni per portare avanti le attività musicali. Per quanto riguarda il Co.Tu.Ge. (il Consorzio Turistico del Comprensorio dei Monti Gemelli), l’atto della Provincia prevede di attendere le deliberazioni dell’Assemblea consortile per definire la volontà dei soci riguardo alla sua trasformazione. Nel frattempo, la Provincia ha deciso di riconoscere i debiti fuori bilancio del Consorzio e di ripianare le passività degli anni 2006 e 2007 che ammontano complessivamente, per la quota di competenza provinciale, a circa 44mila euro;
- l’approvazione della modifica al regolamento di contabilità per concerne il capo X attinente alla gestione patrimoniale con la creazione di un apposito disciplinare operativo- gestionale dalle elevate caratteristiche di flessibilità volte ad una sempre più efficiente tempestiva contabilizzazione dei beni patrimoniali;
- la variazione al bilancio annuale 2007 e pluriennale 2008: in particolare il provvedimento prevede l’utilizzo di una parte dell’avanzo di amministrazione per l’allestimento degli uffici della nuova provincia di Fermo per circa 600mila euro, la sistemazione del tratto del Fosso dei Galli posto nel comprensorio di San Benedetto per 104mila euro e l’erogazione di 300.000 euro per le quote associative degli Enti universitari del territorio. Le delibera contempla, inoltre, il recepimento di nuove risorse provenienti principalmente da Stato e Regione, di cui una cospicua parte (circa 2 milioni e mezzo di euro) è destinata all’ammodernamento della Valdaso e altri 750mila euro alla formazione permanente sulla sicurezza del lavoro nelle imprese private; - l’approvazione della delibera di verifica di attuazione dei programmi e dell’equilibrio del bilancio di previsione. L’atto, che contempla una dettagliata analisi delle attività svolte dai singoli Assessorati nei vari campi dal punto di vista economico–finanziario, registra l’equilibrio della parte corrente, di quella degli investimenti, l’equilibrio sia nella gestione dei residui ed il rispetto del patto di stabilità oggetto di continuo monitoraggio.

ASCOLI PICENO/ PROVINCIA: MESSO IN SICUREZZA IL CASTELLANO

ASCOLI PICENO - Si sono conclusi nel pieno rispetto dei tempi contrattuali i lavori di messa in sicurezza del torrente Castellano e del costone in frana nei pressi della Cartiera Papale di Ascoli Piceno. I lavori, costati 120.000 euro e realizzati dalla ditta Ima.Ter., non erano più rinviabili dopo che le piogge di aprile avevano aggravato le già preesistenti condizioni di pericolosità del tratto del Torrente e del sovrastante costone che, a sua volta, presentava evidenti segni di instabilità. L’operazione è stata coordinata dal dirigente del Servizio Genio Civile della Provincia ing, Stefano Babini mentre la direzione lavori è stata affidata a un altro tecnico provinciale, l’arch. Emidio Cinesi. Si è proceduto all’allargamento della sezione di deflusso del Castellano e alla protezione della sponda destra attraverso due ordini di gabbionate poste al di sotto del costone pericolante. Contestualmente, si è intervenuti direttamente sulla scarpata rocciosa prima rimuovendo il materiale instabile e poi consolidando la parete con pannelli di rete in funi di acciaio ad elevata resistenza. Soddisfazione per la celerità e l’efficacia dell’intervento è stata espressa dall’assessore provinciale al Genio Civile Luigino Baiocco che è riuscito a reperire tra le pieghe del bilancio i fondi necessari per risolvere un problema che peraltro era sotto osservazione già da diverso tempo.

giovedì 25 settembre 2008

ASCOLI PICENO/ COMUNE: ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA PER GLI OVER 60

ASCOLI PICENO - Navigare in internet, scrivere una lettera con la posta elettronica, usare i servizi digitali delle amministrazioni locali. Ma ancora. Conservare in memoria le antiche ricette di famiglia, scrivere al pc i biglietti d’auguri o rivedere al computer le fotografie dei nipotini. Ora anche i nonni ascolani possono approdare all’uso del computer e navigare in rete con un progetto ideato appositamente per loro dal Comune di Ascoli Piceno. “Si tratta – spiega l’assessore all’Informatica, Gianni Silvestri – di un programma di alfabetizzazione per gli over 60 che, oltre a d aprire scenari mai pensati agli ultrasessantenni, ha l’obiettivo ambizioso di far appassionare al computer e ai collegamenti telematici anche i più anziani che così possono anche seguire i nipotini quando usano il computer”. Il progetto si collega all’altro già avviato da anni “Per non cadere nella rete…navigate a vista” dedicato ai ragazzi, ai genitori e agli insegnanti. Questa volta l’attenzione si è indirizzata sui nonni che tanto tempo dedicano ai loro nipotini ma che sono magari all’oscuro delle cognizioni informatiche e dell’operatività di base nell’utilizzo delle strumentazioni elettroniche. Il corso, completamente gratuito, si terrà presso l’aula didattica del Comune di Ascoli Piceno ed avrà una durata di 30 ore suddivise in 15 lezioni di 2 ore ognuna e sarà diretto da un docente informatico. I posti a disposizione, 15, saranno assegnati mediante graduatoria di iscrizione; è necessario aver compiuto 60 anni ed essere pensionati. Le iscrizioni si ricevono presso l’Assessorato alle Politiche Educative in Via Giusti n.1, da mercoledì 1 a venerdì 10 ottobre 2008, dalle ore 9.30 alle 11.30 (escluso il sabato). Qualora la partecipazione risultasse superiore alle 15 unità, l’Assessorato attiverà un secondo corso che, presumibilmente, sarà attivato nei primi mesi del 2009. A tutti i partecipanti sarà consegnato un manuale esplicativo delle lezioni ed esercitazioni effettuate e, al termine del corso, sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

ASCOLI PICENO/ ROSSI: LA TRANSAZIONE AL 50% NON E’ UN REGALO ALLA REGIONE, MA UNA BOCCATA D’OSSIGENO PER LA PROVINCIA

ASCOLI PICENO - Sottoscritto l’accordo tra Regione e Provincia di Ascoli Piceno per la cessione a quest’ultima degli immobili regionali situati a Colle San Marco ed a corso Mazzini di Ascoli Piceno. Il relativo atto è stato firmato ieri pomeriggio ad Ancona dall’assessore regionale Pietro Marcolini ed il presidente dell’Amministrazione provinciale Massimo Rossi (presente l’assessore regionale con delega al Piceno, Sandro Donati), chiude definitivamente la vicenda legata al contenzioso ultraventennale relativo ai crediti vantati dalla Provincia nei confronti della Regione Marche per la mancata corresponsione dei contributi previsti alle Province per la manutenzione ordinaria delle strade ora classificate come provinciali. Il contenzioso a cui è stato posto fine nasce negli anni ’80: fino al 1979, infatti, la Regione, a cui la normativa aveva trasferito nel frattempo le funzioni amministrative statali in materie di strade e, con esse, l’onere del relativo contributo da attribuire alle Province per la gestione di quelle di competenza locale, provvede regolarmente ad erogare le somme dovute. Successivamente nel 1990, la Provincia, preso atto dell’interruzione del versamento di tali contributi e non avendo ricevuto riscontro a ripetuti solleciti chiede, con citazione in giudizio, il pagamento di tali contributi arretrati dal 1° gennaio 1979 al 1987. Con sentenza del Tribunale di Ancona del novembre 1992, la Regione viene condannata in primo grado al pagamento di lire 4.121.847.900. Va detto che la stessa Regione che, in una a prima fase, non si era costituita per far valere le proprie ragioni, ha successivamente impugnato detta sentenza presso la Corte d’Appello di Ancona dove la vertenza attualmente giace in attesa di definizione. Analogamente a quanto avvenuto per le altre Province marchigiane, si avviano quindi le procedure per giungere ad un accordo transattivo che viene appunto formalizzato con l’accordo di ieri. Elemento essenziale della transazione, in grado di consolidare la bontà dei rapporti esistenti tra le due Amministrazioni e che definisce qualsiasi controversia in una strategia di collaborazione tra istituzioni, è l’acquisizione da parte della Provincia, a compensazione dei crediti vantati, oltre ad una somma in denaro di 660.000 euro, del centro sportivo “Franchi”, immerso nel verde di Colle San Marco, e dell’ex sede dell’azienda di soggiorno ascolana ospitata in un appartamento di corso Mazzini in pieno centro storico di Ascoli Piceno. “Un accordo – ha dichiarato Marcolini - che non solo chiude una lunga fase del passato ma, mantenendo per almeno venti anni i vincoli urbanistici, storici e ambientali del complesso di Colle S. Marco, ha anche precise implicazioni per il futuro”. “Un’intesa di notevole valore – ha sottolineato Donati – per il buon esito raggiunto e per la qualità delle sinergie messe in campo. E’ importante che il Piceno si avvii su un sentiero nuovo di sviluppo, un sentiero che può essere percorso grazie alla politica attenta e consapevole, realizzata attraverso una concertazione a vari livelli istituzionali come in questo caso fatta con la Provincia di Ascoli Piceno”. “L’accordo transattivo raggiunto non costituisce un “maxi-sconto” alla Regione come sostenuto da qualche esponente di minoranza, né “un regalo” della Regione come paradossalmente sostenuto di converso da qualche esponente della maggioranza, ma costituisce un gesto di buon senso e di responsabilità vantaggioso per entrambi gli Enti e soprattutto per le comunità amministrate. L’intesa consente infatti di eliminare un vecchio contenzioso senza attendere una sentenza dall’esito incerto e dai tempi indefiniti – prosegue il presidente Rossi - tanto più che beni e le risorse economiche immediatamente acquisite dalla Provincia con l’intesa transattiva, che corrispondono a circa il 50% delle somme riconosciute dalla sentenza di primo grado impugnata dalla Regione, come avvenuto nelle altre Province marchigiane coinvolte in analoghi contenziosi, rappresentano una salutare boccata di ossigeno per il nostro bilancio ed un patrimonio spendibile per il territorio. Il vincolo di destinazione ambientale condiviso tra Provincia e Regione garantisce peraltro una valorizzazione virtuosa del Pianoro di Colle San Marco in linea con il nostro progetto di sviluppo sostenibile del Piceno”. “Grazie al patrimonio acquisto – ha concluso Rossi - risulta infatti possibile sviluppare da subito il programma integrato di valorizzazione della montagna ascolana già impostato: proprio il 1° ottobre prossimo il Consorzio Turistico dei Monti Gemelli presenterà all’Assemblea dei soci un piano di marketing per diversificare l’offerta e far sì che la montagna ascolana sia attrattiva non solo nel periodo sciistico: l’acquisizione di queste strutture giunge dunque a proposito perché consente di costruire il piano di rilancio in modo coerente ed innovativo”.

ASCOLI PICENO/ CAPRIOTTI: RIPARTE IL PROGETTO "SCUOLA E SPORT"

ASCOLI PICENO - Con l’inizio del nuovo anno scolastico torna “Scuola e sport”, il progetto della Provincia a sostegno dell’educazione motoria nelle scuole primarie dei Comuni con meno di 10 mila abitanti. L’iniziativa impegna l’ente, anche per l’anno scolastico 2008/2009, ad erogare a favore delle realtà municipali più piccole contributi per stipulare apposite convenzioni con diplomati Isef o laureati in scienze motorie non occupati stabilmente che avranno il compito di affiancare i docenti nell’ora settimanale dedicata all’educazione motoria dei bambini. “Promuovere l’attività fisica nelle scuole primarie costituisce un’azione dall’alta valenza sociale ed educativa per tutta la comunità provinciale – ha sottolineato l’assessore allo sport Nino Capriotti – l’intervento intende non solo dar seguito al proficuo lavoro svolto negli anni scorsi ma vuole anche valorizzare figure professionali che esistono nel nostro territorio ma che stentano ad inserirsi nel mondo del lavoro. Partiamo dai lusinghieri risultati dello scorso anno quando, con un impegno economico di quasi 90 mila euro – ha proseguito Capriotti – siamo riusciti a coinvolgere oltre 6 mila alunni delle scuole primarie di ben 48 piccoli comuni e 41 docenti di scienze motorie”. I Comuni interessati alla prossima edizione del progetto dovranno inviare entro il 30 ottobre la richiesta d’adesione alla Provincia. Il contributo sarà assegnato compatibilmente con la quantità di fondi stanziati a copertura della spesa che i Comuni avranno effettivamente sostenuto per il pagamento del consulente. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al Servizio Cultura e Beni Culturali - Pubblica Istruzione – Sport della Provincia chiamando i numeri telefonici 0736/277516-518 (fax 0736.277547) o scrivendo all’indirizzo e-mail ufficio.sport@provincia.ap.it

CASTORANO/ DOMENICA QUELLI DEL 57 TUTTI DA DON GIUSEPPE CICCHI

CASTORANO - Nell'aprile scorso a Castorano è nato il Club 57. A farne parte sono tutti i nati ed i residenti a Castorano nell'anno 1957. Lo scorso 5 dicembre la “carovana del 57” è stata ricevuta dal Papa. “Fu una giornata che non si può dimenticare – ha affermato Sante Coccia, presidente del Club 57 -. Il Santo Padre consegnò in quella udienza al giovane Alessandro Lelli, figlio di Orestina, una di “quelle del 57” una corona per il rosario. All’udienza da Benedetto XVI presero parte anche Don Cesare, il parroco di Castorano, ed il Sindaco, nonché il nostro coetaneo e compaesano, Don Giuseppe Cicchi, monaco del convento di Camandoli in provincia di Arezzo. Quel dì a Don Giuseppe tutti i coetanei di Don Giuseppe gli promisero che gli avrebbero fatto visita al suo convento a Camandoli. La promessa è stata mantenuta e questa domenica 28 settembre il Club 57 ha organizzato un intero pullman per andare a Camandoli. Sul pullman vi siederanno tutte le persone che parteciparono all'udienza del Papa e sarà una giornata importante e di certo molto significativa e toccante, perché proprio in quel giorno la Santa Messa sarà celebrata da Don Giuseppe Cicchi”. Attualmente il direttivo del Club 57 è formato oltre che da Coccia, da Luigino Ficcadenti vicepresidente, Marisa Pepe segretaria, Rita Girolami, Giuseppe Pierantozzi , Giuseppe Straccia, Pietro Vagnoni ed Alessandro Ciotti consiglieri.

martedì 23 settembre 2008

ENERGIA/ PETRELLI (DCA-PDL): CONTRO CARO PREZZI DIVERSIFICAZIONE FONTI

ASCOLI PICENO – “La situazione del rincaro del prezzo del petrolio e il conseguente aumento dell'energia elettrica crea preoccupazioni che hanno spinto il Governo a rilanciare una nuova politica energetica che punti sulla diversificazione delle fonti e delle tecnologie per essere meno esposti all'aumento dei prezzi del petrolio e del gas”. Lo ha affermato il vicesegretario provinciale della Democrazia Cristiana per le Autonomie, in risposta all’ordine del giorno presentato per il prossimo consiglio provinciale da Vagnarelli di Rifondazione Comunista, affinché la Provincia di Ascoli dichiari indisponibile il proprio territorio per la localizzazione di un sito nucleare. “Per ridurre la dipendenza al petrolio - ha proseguito l’esponente del partito del ministro per l'Attuazione del Programma, Gianfranco Rotondi - serve un mix: il 50% di combustibili fossili e il 50% fonti rinnovabili e nucleare. Nella manovra fiscale sono state inserite alcune norme specifiche a sostegno delle risorse energetiche nazionali. In particolare, è prevista l'adozione di un piano strategico energetico nazionale per la diversificazione delle fonti energetiche”.
“Il nucleare oggi non ha alternative, l'allarme scattato in Slovenia a Krsko lo scorso giugno dimostra l'efficacia delle nuove centrali. Se pensiamo che è stata costruita negli anni Ottanta ed i sistemi di controllo sono stati immediati, si può immaginare facilmente come quelle ultime abbiano sistemi ancora più efficaci”, ha aggiunto il segretario della Dca-Pdl."L'Italia ha bisogno di risolvere il problema dell'energia e l'approdo al nucleare è ad oggi l'unica soluzione possibile. Il confronto su questo tema è aperto e deve essere sgombro da pregiudizi ideologici. Gli impianti di nuova generazione garantiscono sicurezza e riducono al minimo i rischi”. Ha concluso Petrelli.

SCUOLA/ PETRELLI AD UGO ASCOLI (REGIONE MARCHE): BERLUSCONI È PRODOTTO CHE TIRA...

ASCOLI PICENO – “Non mi è dato di sapere se l’assessore Ugo Ascoli ami i giornali, ma se li legge potrebbe osservare che oltre che Napoli è pulita e l'Italia ha peso nelle relazioni internazionali, la scuola torna al rigore. Ci sarà la pubblicità, ma il Governo è un prodotto che tira da solo a giudicare dalla fiducia degli italiani giunta a numeri persino imbarazzanti”. Lo afferma Francesco Petrelli, il vicesegretario provinciale della Democrazia Cristiana per le Autonomie, partito di cui è leader il ministro per l'Attuazione del programma, Gianfranco Rotondi, a seguito delle dure dichiarazioni rilasciate dall’assessore della Regione Marche, Ugo Ascoli, al convegno “Scuola, università, ricerca e formazione”, tenutosi presso il polo culturale di S. Agostino ad Ascoli Piceno in occasione della festa democratica del Pd. Per Petrelli il Governo e la titolare del dicastero dell'Istruzione Mariastella Gelmini hanno fatto bene a reintrodurre un solo maestro per le scuole elementari. “Se ripenso alla mia maestra delle elementari che ci segue ancora oggi - sono le parole del segretario comunale della Dca-Pdl - dico: viva la Gelmini ed il suo maestro unico”. “Dopo questi anni – conclude l’esponente democristiano - la scuola italiana potrà tornare ad essere di nuovo una scuola di eccellenza e riacquisire il prestigio che merita. Questo Governo, come per tante altre questioni, sta adottando misure e dando risposte concrete e lungimiranti anche per ciò che concerne l'istruzione”.

lunedì 22 settembre 2008

SCIOPERO DELLA PAGNOTTA/ ARCO CONSUMATORI MARCHE: UN GRANDE FLOP

ASCOLI PICENO - Disapprovare il caro prezzi è una legittima reazione che vale sempre e quindi ben vengano tutti i segnali che si possono dare ad operatori e Governo perché siano avvertiti che i livelli di guardia dei cittadini sono stati abbondantemente superati. Importante che questo segnale venga da tutte le organizzazioni dei consumatori in modo unitario e a sostegno di quanti si stanno battendo per la trasparenza del mercato e contro le operazioni speculative come in modo esemplare sta facendo Mister Prezzi. Ma quando si propone uno sciopero e questo lo dovrebbero ben sapere le organizzazioni dei consumatori, filiali dei sindacati, si da alle controparti uno strumento di valutazione quantitativa che può risultare un boomerang per gli organizzatori in termini di credibilità. Per questo motivo e cioè nella mancanza d’efficacia dello sciopero come strumento proposto, Arco Consumatori Marche, pur aderendo alle motivazioni, non ha volutamente partecipato alle cosiddette manifestazioni di piazza. E il fiasco quantitativo di quest’iniziativa pur nel malessere generale è stato evidente in tutti i resoconti televisivi. Dunque sono altri gli strumenti su cui far leva per ottenere dei contenimenti o delle riduzioni dei prezzi nel settore alimentare. Noi ne proponiamo alcuni, quali ad esempio. Dispenser: un sistema per fornire prodotti sfusi ma con l’esigenza di migliorare la certezza delle date di scadenza visto che il prodotto confezionato può essere integrato con altro prodotto in qualsiasi momento da parte degli addetti, e di garantire l’igienicità dei sistemi di confezionamento. Angoli dei prodotti regionali all’interno dei supermercati, dedicati ai prodotti solo regionali, stagionali e a filiera dei prezzi, controllata dalle aziende di servizio degli assessorati regionali all’agricoltura e dai mercati generali. La promozione d’innovazione tecnologica per il risparmio energetico nella grande e piccola distribuzione. Promozione della riduzione degli involucri da parte dell’industria alimentare. Spazio nei mercati settimanali dedicato esclusivamente alla filiera corta, cioè ad alimenti dal produttore al consumatore aperto solo a coltivatori che sottoscrivano un’apposita carta della qualità con le organizzazioni dei consumatori. Promozione di centri d’acquisto collettivo da sviluppare in tutti i condomini e i centri d’aggregazione. Su tutti questi punti concretamente Arco sta lavorando insieme ad altre associazioni. Sicuramente si può fare di più e di meglio. Ma è necessario avere una visione più ampia e concreta del problema se si vogliono ottenere anche i più modesti risultati, consapevoli che il tragico meccanismo da interrompere, che oggi regge l’economia e che pare non avere, al momento, alternative è quello del consumare di più e più in fretta. E’ opportuno che tutte le organizzazioni dei consumatori in modo unitario siano consapevoli quindi che la reale difesa economica dei cittadini richiede un impegno concreto, costante e di lungo periodo senza scorciatoie demagogiche e strumentalizzazioni politiche.

ANTIQUA SALARIA/ BILANCIO POSITIVO, SI PENSA GIA' ALLA PROSSIMA EDIZIONE


ASCOLI PICENO - Tanta fatica, ma anche tanta soddisfazione, per i partecipanti alla seconda edizione di Antiqua Salaria, la passeggiata cicloturistica che si è chiusa domenica 21 settembre dopo circa duecentottanta chilometri caratterizzati da tanto sudore nell’affrontare, da parte dei 30 ciclisti, i saliscendi del Piceno e del Reatino ma anche da tanta allegria nelle serate dedicate all’enogastronomia tipica dei luoghi attraversati. La seconda edizione di “Antiqua Salaria” era partita venerdì scorso da San Benedetto del Tronto ed ha raggiunto Roma nel pomeriggio di domenica attraverso l’antico tracciato dell’arteria consolare romana che ha tanto da offrire dal punto di vista storico e culturale ma anche naturalistico. La prima tappa è stata caratterizzata dal maltempo che purtroppo ha imperversato sin dalla partenza fino ad Arquata del Tronto. Una tappa definita “epica” da alcuni dei partecipanti che comunque sono arrivati senza problemi nel suggestivo borgo montano. Dopo la doccia e un meritato pasto consumato presso la country house Centro Due Parchi, hanno visitato la stupenda rocca di Arquata del Tronto per chiudere la serata presso il ristorante Camartina. Il giorno successivo il tempo è stato clemente ed il sole ha riscaldato una mattinata dalla temperatura comunque rigida. Questa è stata la tappa più bella dal punto di vista naturalistico: la carovana è giunta a Cittaducale, in provincia di Rieti, dove l’accoglienza della locale amministrazione comunale è stata come sempre puntuale e preziosa. Anche qui, visita alle antiche terme di Vespasiano e poi riposo e cena presso il ristorante-albergo Da Valerio in località Santa Rufina (alle porte di Rieti). La terza ed ultima tappa, la più dura, ha visto i cicloturisti partire da Rieti nella prima mattinata per affrontare le salite che li hanno portati prima a Torricella Sabina, poi a Nerola ed infine a Castelnuovo di Farfa, passando accanto allo splendido monastero farfense. Una tappa lunga, con delle pendenze impegnative (sino al 16%) ma spettacolare. Anche qui, grazie al sostegno dell’amministrazione locale, doccia rigenerante per tutti e pranzo con le tipicità sabine. Infine, tutti in pullman verso Roma per visitare la capitale a bordo del Trambus Open, un bus scoperto che, in un paio di ore, ha fatto ammirare le bellezze storiche, architettoniche e culturali capitoline. In serata, la carovana è rientrata a S. Benedetto del Tronto. Ottima l’organizzazione della tre giorni da parte dell’Asd Bike Passion in collaborazione con l’Assessorato al Turismo della Provincia di Ascoli Piceno. “Tutti i partecipanti, soprattutto quelli venuti da fuori Regione, hanno già chiesto indicazioni sulla prossima edizione apprezzando sia l’organizzazione, sia la bellezza dei territori attraversati e conosciuti in tutte le loro peculiarità – sottolineava a conclusione Avelio Marini, Assessore al Turismo della Provincia di Ascoli Pieno – Un ringraziamento va a chi ha collaborato per la buona riuscita della cicloturistica e cioè le amministrazioni di Arquata del Tronto, Cittaducale e Castelnuovo di Farfa, nonché alla Croce Rossa di Ascoli Piceno che ha seguito costantemente la carovana”. Il resoconto e il book fotografico della tre giorni sarà a breve a disposizione sul sito http://www.picenobike.it/.

ASCOLI PICENO/ COMUNE: APERTO IL BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE LOCAZIONI

ASCOLI PICENO - L’assessore ai Lavori Pubblici, Luigi Lattanzi, rende noto che è stato indetto, dal 24 settembre al 10 novembre p.v. il bando di concorso per l’erogazione di contributi per il sostegno delle spese di locazione per l’anno 2008. Il termine per la presentazione delle domande è fissato inderogabilmente al 10 novembre 2008 e i moduli per le domande sono distribuiti presso l’Ufficio Problemi Abitativi, ubicato in Corso Mazzini n. 307, aperto al pubblico nei giorni di lunedì e mercoledì dalle ore 10 alle ore 13 e nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 16 alle ore 17. Si provvederà anche ad inserire il testo del Bando di concorso ed il modulo della domanda sul sito Internet del Comune. Si pone in evidenza che il contributo è calcolato in maniera tale da ridurre l’incidenza della spesa del canone di locazione: al 30% se il reddito ISEE, percepito nell’anno 2007, non è superiore ad €. 5.142,67 e può essere concesso un contributo massimo di €. 2.530,84; al 40% se il reddito ISEE, percepito nell’anno 2007, non è superiore ad €. 10.285,34 e può essere concesso un contributo massimo di €. 1.265,42. Si informa inoltre che lo scorso mese di luglio si è provveduto alla liquidazione dei contributi relativi all’anno 2007 ed i beneficiari sono stati n. 273, per una somma complessiva di circa €. 190.400,00.

venerdì 19 settembre 2008

ARTE/ CARRENO E LA CORRADETTI PIANTANO UN CACTUS AD ASCOLI PICENO

ASCOLI PICENO – Giulia Corradetti, giovane ed emergente artista ascolana, è la protagonista, insieme al maestro Alejandro Alvarado Carreno, di Cactus, l’esposizione d’opere d’arte inaugurata ad Ascoli nei giorni scorsi presso la Galleria Insieme in corso Mazzini al civico numero 199, che sarà visitabile fino all’11 ottobre. La mostra che conta i patrocini dell’Ascoli Piceno festival 2008, della presidenza del Consiglio dei Ministri, della Giunta e del Consiglio regionale delle Marche, nonché di Provincia e Comune di Ascoli, rappresenta un’importante occasione sia per approfondire l’arte del maestro Carreno sia per scoprire il talento dell’ascolana. “Cactus – afferma Anna Laura Petrucci, curatrice della mostra -: la sembianza nota di questo tronco spinoso, di questa sfida vegetale alla brutalità del deserto, evoca una resistenza ostinata, un’indipendenza frugale che ha bisogno solo di luce, stille d’acqua, terra arida, cielo e vento. Albero della vita e del contatto con il divino del mondo, energia primitiva e archetipo della lotta eterna per la sopravvivenza su una terra difficile e magnifica, riserva d’acqua preziosa per chi attraversa il deserto, materia prima, medicamento, totem e talismano tra quotidiano e sacro. Esso racconta cieli enormi e abbaglianti, terra che si spacca, fiori miracolosi e rari come una visione che dura un’ora soltanto, un’allucinazione possibile, riti sciamanici, il vento infuocato del Messico. Questo altrove di ribellione, icona ideologica per la beat generation, spazio di libertà estrema e primordiale, di astrazione onirica dalla vita quotidiana, ove tutto sembra sospeso tra miraggio e Verità è luogo dell’immaginario in cui sembra sempre di essere su una soglia, su un passaggio possibile. Tutto questo dicono le spine acuminate, ricordo di foglie, le forme monumentali, labirintiche e contorte nell’opera di Alejandro Alvarado Carreño, a cui la mostra è dedicata in omaggio alla sua maestria di xilografo, depositario e al tempo stesso portabandiera della cultura accademica messicana che sa raccontare gli scenari fantastici realmente vissuti del deserto messicano. Egli rappresenta l’albero-simbolo di una nazione, di un’identità, di un’anima collettiva e di un immaginario privato e pensoso nell’incisione su legno, tecnica antichissima e pregiata di stampa, di cui il Messico vanta una lunga ed accreditata tradizione e di cui egli è il massimo interprete vivente. Il legno è scavato con tutta la fatica del fare, che è la stessa fatica della Natura che innalza i suoi bizzarri monumenti arborei. Vuoti e pieni, scuri netti e bianchi irreali; il gesto dell’intaglio è assoluto, drammatico; solo tratti, linee, essenzialità grafica sulla fragilità della carta di riso che pur sopporta la stampa. La fatica del gesto artistico è tutto ciò che resta dell’uomo, soggetto sognante ma categoricamente e assolutamente assente nella solitudine del deserto. Il cactus sa alludere e raccontare. Risponde perfettamente sia in senso simbolico -mito e risorsa di un territorio arido e privo di speranza-, che per ricchezza formale, alla ricerca d’ispirazione per chi voglia appropriarsi delle forme naturali ed organiche attraverso la restituzione in visioni oniriche del proprio vissuto. Diviene il genius loci, l’appiglio per un viaggio della mente persa dietro le forme vegetali che presto divengono quasi di un’arborea animalità, significanti d’altri elementi dell’energia cosmica, del fuoco, dell’aria”. “A sottolineare la forte soggettività dell’opera visionaria del maestro Carreno – conclude la Petrucci -, vengono affiancati ai suoi lavori, in un contrasto disvelante e giocoso, quelli di una giovanissima italiana, da poco uscita dall’accademia, che come lui ha fatto del cactus, o meglio delle succulente -come Giulia Corradetti, più voluttuosamente, ama chiamarle- l’oggetto delle proprie visioni. L’arsura del deserto, la sabbia e la solitudine che lo caratterizzano, la durezza del segno con cui l’intimismo del Maestro Alvarado si fa dirompente, svaniscono in una bolla di colore morbido, scoprendo il gioco e la sensualità di un mondo fantastico, leggiadro, artificiale, interamente ricreato nell’effimera immaterialità del digitale”.

ASCOLI PICENO/ PROVINCIA: I COMUNI PICENI NON BRILLANO NELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

ASCOLI PICENO - Raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani, Piani comunali per la localizzazione delle antenne per la comunicazione radiomobile e problematiche relative all’istallazione a terra di grandi impianti fotovoltaici, sono stati gli importanti temi al centro di due incontri promossi dalla Provincia con alcuni sindaci. Le riunioni, tenutesi una nel Circondario provinciale di Fermo e l’altra nella sala del Consiglio provinciale di Ascoli, hanno registrato la partecipazione di sindaci ed amministratori, particolarmente sensibili su queste tematiche essenziali per la “governance” del territorio e sulle quali l’Amministrazione provinciale intende fornire un supporto concreto mettendo in campo, fin da subito, progettualità e strumenti operativi. Il presidente della Provincia Massimo Rossi e l’Assessore all’Ambiente Manuela Marchetti (era presente anche l’Assessore all’Urbanistica Antonio Canzian) hanno illustrato nel dettaglio opportunità e modalità di attuazione delle varie iniziative elaborate dalla Provincia raccogliendo suggerimenti, proposte e domande dei presenti con l’obiettivo di programmare gli interventi coordinati in fase di stesura dei Bilanci di previsione 2009. Il primo progetto varato dall’Amministrazione punta ad una decisa spinta all’incremento del quantitativo di raccolta differenziata dei rifiuti attraverso un cospicuo investimento con cui l’Ente sosterrà i Comuni nel raggiungimento di obiettivi in linea con i parametri nazionali ed europei che stabiliscono come, entro fine anno, almeno il 45% dei rifiuti sia differenziato e quindi avviato a recupero. I Comuni della Provincia, come d’altronde tutti quelli marchigiani, non brillano in questo settore: nel 2007 circa il 21% dei rifiuti del Piceno è stato riciclato contro una media nazionale del 25%. In questa prospettiva un grande impulso può venire dalla raccolta differenziata dell’umido, cioè dalla frazione organica dei rifiuti urbani che, da sola, rappresenta quasi un terzo di tutti gli scarti prodotti. La Provincia fornirà ai Comuni i bidoncini e i sacchetti in “mater-bi” (cioè biodegradabili) per un anno, i recipienti per il recupero degli oli di cucina (che, oltre ad inquinare, sono molto dannosi per gli impianti di depurazione) e i contenitori stradali per la loro raccolta. Inoltre sosterrà una campagna di comunicazione per sensibilizzare i più giovani alla necessità di una seria raccolta differenziata che la Provincia realizzerà nelle scuole con il contributo dei Cea, i Centri di educazione ambientale. Per quei Comuni che già avviato la sperimentazione della raccolta differenziata e specifiche campagne informative, il sostegno della Provincia andrà ad integrare le azioni in corso per conseguire ulteriori risultati e progressi. Altro tema particolarmente sentito è quello della pianificazione della rete di impianti di telefonia mobile. In quest’ambito, la Provincia metterà in campo risorse per 50mila euro delle quali i Comuni che aderiranno al protocollo di intesa potranno avvalersi, mediante una società specializzata che sarà individuata con procedure di evidenza pubblica, per avviare la redazione di piani di localizzazione per l’istallazione di nuovi impianti e l’integrazione e rivalutazione di quelli già esistenti. L’obbiettivo è duplice: minimizzare l’impatto ambientale ed urbanistico ed ottimizzare la radio copertura per i servizi di telefonia di terza generazione Umts (voce-dati-video). La società incaricata, oltre alla pianificazione, supporterà i Comuni con campagne informative condotte nelle scuole sul tema delle sorgenti di campi elettromagnetici ed il corretto utilizzo delle tecnologie. Verrà anche assicurato un servizio di monitoraggio costante mediante centraline di acquisizione e trasmissioni dati a disposizione su un apposito sito internet. Tutto ciò senza nessun onere aggiuntivo per il bilancio dei Comuni: i costi dell’operazione saranno, infatti, ammortizzati, oltre che con il contributo della Provincia, attraverso i primi canoni riscossi dai nuovi impianti istallati sui siti idonei di proprietà comunale. Ultimo argomento trattato, la questione dell’installazione di grandi impianti fotovoltaici nelle zone rurali e centri storici di pregio. ”La nostra Provincia crede molto nelle energie rinnovabili ed è stata tra le prime in Italia a sfruttare le opportunità fornite dal conto energia installando impianti fotovoltaici sui tetti delle scuole superiori e degli edifici istituzionali – ha spiegato il presidente Rossi - la promozione del solare va tuttavia coniugata con le esigenze di salvaguardia del paesaggio che, tra l’altro, la Provincia si è impegnata a tutelare aderendo alla Convenzione europea in materia. Pertanto – ha proseguito Rossi - su espressa richiesta di molti Comuni, la Provincia elaborerà una direttiva per la regolamentazione degli impianti fotovoltaici in aree sensibili al fine di tutelare la risorsa del paesaggio, straordinaria ed inestimabile ricchezza del nostro territorio. Parallelamente a quest’iniziativa – ha concluso il Presidente - stiamo studiando forme di incentivi per l’installazione di impianti fotovoltaici sui numerosi capannoni presenti nelle zone industriali. Avremmo così a disposizione significative quantitativi di energia nel rispetto del territorio”.

ASCOLI/ FUCINA PICENA: "RIAFFERMARE UNA LINEA POLITICA INCISIVA"

ASCOLI PICENO - "Riaffermare una linea politica incisiva". E’ quanto hanno sostenuto, Anna Maria Bachetti e Saverio Di Simone, membri del coordinamento comunale di Forza Italia di Ascoli ed appartenenti a Fucina Picena, durante la riunione dell’organismo politico azzurro convocato dal coordinatore comunale. Dopo aver stigmatizzato le modalità di convocazione del coordinamento, avvenuta tramite sms e senza l’individuazione di un ordine del giorno, reiterando un metodo del quale il coordinatore medesimo ha sin qui fortemente abusato pur nell’assoluto vuoto politico del quale è portatore, sia Bachetti che Di Simone, durante il dibattito che è scaturito nella riunione, hanno evidenziato che a norma dello statuto vigente l’unica facoltà del coordinatore è quella di informare il coordinamento della situazione politica cittadina e NON di portare a ratifica le proprie scelte di candidature alle prossime elezioni amministrative. E’ convinzione dei due esponenti di Fucina Picena, al fine di poter confermare la guida dell’amministrazione comunale da parte del centro-destra, di individuare quanto prima le alleanze politiche in grado di garantire la vittoria elettorale. In particolare, è indispensabile svolgere ogni azione tendente a recuperare il rapporto con l’Udc, che per due legislature ha condiviso e sostenuto le scelte politico-amministrative della città. Conseguentemente, i due esponenti di Fucina Picena hanno evidenziato la necessità di individuare le linee politiche, i programmi e successivamente le ipotesi di candidature da portare avanti. Pertanto, seppur nel pieno rispetto verso tutte le auto-candidature fin qui emerse, hanno ribadito al momento che nessuna candidatura è stata presa in considerazione dagli organi competenti.

martedì 16 settembre 2008

ABRUZZO/ DI COSIMO (PMI): IL TASSO DI POVERTA’ AUMENTA INESORABILMENTE


PESCARA – “Alle classi dirigenti abruzzesi che ci hanno governato nella seconda repubblica non possiamo che esprimere amarezza per l’attuale situazione sociale ed economica dell’intera regione. Continuiamo a leggere sui giornali di nuove tasse per recuperare i debiti della sanità e, contemporaneamente, del problema della deindustrializzazione che è ormai innegabile (Italtel, Campari, Burgo sono solo le ultime vicende note…) alla quale è legato il tasso di disoccupazione, e povertà, della regione”. Lo afferma Antonio Di Cosimo, presidente regionale di Pmi Abruzzo, associazione piccole e medie imprese dell’Abruzzo, che discende dal soggetto nazionale PmItalia. “Proviamo a riflettere con le istituzioni – prosegue Di Cosimo - le banche, la classe politica, le associazioni datoriali e sindacali su questa domanda: è ancora possibile far finta di niente? Il pensiero della gente è (ahimè): no, non si può fare niente! Perché? Perché la politica costa e come la si paga? I contributi di legge non bastano ai partiti e campagne elettorali ed apparati costano assai, come ripianare i bilanci? I politici devono scendere per forza a compromessi (crediamo) più per ragioni di partito che per se stessi. Inoltre l’apparato economico è basato sul compromesso tra politica, forze sindacali e associazioni di categoria dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato. Gli interessi si giocano per lobby e non per il benessere diffuso e lo si vede dai risultati prodotti. Il sindacato è ormai solo focalizzato al potere politico. La passata legislatura annoverava illustri ex sindacalisti quali il Presidente della Repubblica, del Senato, della Camera. La nostra regione era amministrata da un ex sindacalista. Hanno davvero tutelato i lavoratori? Abbiamo avuto una sanità migliore e più economica? Ad ognuno la risposta. Gli imprenditori abruzzesi sanno di aver pagato il 5,25% d’Irap sul costo dei dipendenti e, forse, hanno dovuto licenziare o chiudere in perdita (costo non deducibile…), rispetto al 3% d’altre regioni, addirittura per il 2008 è probabile il 7%. La competitività delle imprese italiane è scesa ulteriormente nelle classifiche mondiali. Le associazioni di categoria intervengono senza coordinamento ma per lobby di settore e sulla base di rapporti di forza: Confindustria esprime capacità di pressione più forte delle Pmi e dell’Artigianato. Se ne è avvantaggiato il sistema Italia o le grandi aziende? Abbiamo davvero più competizione nel sistema o abbiamo sempre “i soliti” più forti e protetti? Telefonia, autostrade, carburanti, ferrovie, assicurazioni, banche: tutto con più concorrenza, lealtà e trasparenza? La politica. I politici di professione, rimproverano alla gente capace, di non entrare in politica a dare il proprio contributo invece di criticare soltanto. Provate ad entrare e vedrete quale meccanismo d’equilibri interni vi troverete a dover imparare a superare prima di essere proposto a dirigere qualcosa. La logica applicata è: chi perde l’incarico di che vive? Dove lo si può parcheggiare? Se poi va dall’altra parte politica? E così tutto resta com’è: immutabile e focalizzato a mantenere gli equilibri che permettono la sopravvivenza di chi c’è già”. “Solo le azioni della magistratura – conclude il presidente di Pmi Abruzzo - hanno prodotto ricambi veri nel sistema politico italiano: questa è l’amara verità. Perché? Perché noi popolo italiano siamo pigri, dimentichiamo facilmente, stiamo sempre nel mezzo pronti a saltare sul carro dei vincitori. 2008: niente di nuovo sotto il sole. Commenteremo e ci lamenteremo comunque su tutto ma tutto resterà com’è, fino al prossimo sussulto. Auguri e che Dio ce la mandi buona”.

lunedì 15 settembre 2008

ASCOLI PICENO/ PROVINCIA, IL 26 SETTEMBRE SCADONO I BUONI CASA PER LE GIOVANI COPPIE

ASCOLI PICENO - Il 26 settembre scade il termine per la presentazione delle domande per la concessione di contributi in conto capitale (i cosiddetti “buoni casa”) riservato alle giovani coppie per l’acquisto o l’acquisto con recupero della prima casa. Lo ricorda l’assessore all’Edilizia Residenziale Pubblica della Provincia Antonio Canzian: “Grazie al primo bando, pubblicato all’inizio del 2008, che stanziava 2 milioni e 220 mila euro – dice Canzian - sono state ben 83 le giovani coppie ad usufruire del contributo di cui 64 hanno ottenuto l’importo massimo di 30 mila euro”. Le risorse ancora disponibili ammontano a 660 mila euro per la provincia di Ascoli Piceno (per un minimo di 22 “buoni casa”) e a 570 mila euro per la Provincia di Fermo ( per un minimo di 19 “buoni casa”). Possono fare domanda le “giovani coppie” con reddito calcolato secondo i parametri ISEE (indicatore della Situazione Economica Equivalente) inferiore ad € 39.701,19. Il contributo massimo per ciascuna coppia sarà di 30 mila euro. Almeno uno dei coniugi o nubendi deve avere prodotto redditi nel 2006. Per “giovani coppie” si intendono coniugi da non più di due anni alla data di apertura del bando (15 luglio) e che non abbiano superato entrambi i 37 anni di età al 31 dicembre 2007 oppure futuri coniugi che abbiano, alla data di chiusura del bando (26 settembre 2008), effettuato le pubblicazioni del matrimonio, o lo contraggano prima dell’acquisto dell’alloggio, e non abbiano superato entrambi i 35 anni di età al 31 dicembre 2007. Le domande possono essere presentate al Comune nel quale si intende acquistare l’alloggio fino al 26 settembre 2008 tramite l’apposita modulistica. Il bando integrale e la modulistica sono disponibili sul sito della Provincia www.provincia.ap.it.

ASCOLI PICENO/ CRISI, LA PROVINCIA BUSSA A REGIONE E GOVERNO

ASCOLI PICNEO - La Provincia vuole stringere i tempi per arrivare a definire un programma di interventi che incida significativamente sulla crisi economica ed occupazionale che attanaglia il Piceno. “Definiti i nuovi assetti istituzionali a livello nazionale, con l’insediamento di tutti gli organismi tecnici nei ministeri del governo Berlusconi, e regionale, con l’affidamento all’assessore Sandro Donati della delega per i problemi del Piceno – spiega infatti il presidente Massimo Rossi – intendiamo riannodare con decisione il filo di una serie di azioni avviate nei mesi scorsi”. Il primo di questi fili riguarda il “Protocollo d’intesa per il rilancio produttivo ed occupazionale della Val Vibrata - Vallata del Tronto Piceno” siglato nel marzo scorso al Ministero dello Sviluppo economico da tutti gli attori istituzionali (regioni Marche e Abruzzo, province di Ascoli Piceno e Teramo) e socioeconomici (organizzazioni sindacali e datoriali delle due province) con l’obiettivo di attrarre, anche con il supporto di importanti strumenti legislativi e di programmazione (a cominciare da “Programma Industria 2015”, dalla quota nazionale dei FAS – Fondo per le aree sottoutilizzate e dalla Finanziaria 2008), nuovi investimenti produttivi in quest’area a cavallo tra le due Regioni. A tale proposito il presidente Rossi, previa intesa con il collega presidente della Provincia di Teramo D’Agostino, ha chiesto formalmente alla dr.ssa Simonetta Moleti, direttore generale per la Politica industriale del Ministero, “di dare attuazione quanto previsto dall’articolo 6 del Protocollo” e cioè la costituzione di un “Gruppo di coordinamento” con rappresentanti di tutti i soggetti interessati che, con il supporto tecnico dell’”Agenzia Nazionale per l’Attrazione degli Investimenti e lo Sviluppo di Impresa” (la ex “Sviluppo Italia”), individui le iniziative produttive e gli investimenti che possono essere proposti per la reindustrializzazione delle due vallate. “Si sottolinea l’urgenza di procedere – scrive Rossi alla dr.ssa Moleti – non solo in ragione del ritardo accumulato (il protocollo prevedeva che il Ministero costituisse il gruppo entro 15 giorni dalla firma del documento, ndr), ma anche in relazione all’aggravarsi della situazione socio economica che ha dato origine all’iniziativa in questione”. Dopo una serie di colloqui telefonici, si è giunti a concordare per la prossima settimana un vertice che servirà a chiarire modalità, tempi e opportunità concrete in relazione ai contenuti del protocollo. L’altro rapporto che la Provincia intende intensificare è quello con la Regione: “Ora che l’assessore Donati è entrato nel pieno delle sue funzioni - spiega ancora Rossi – ho ritenuto urgente aggiornarlo sul grande lavoro che è stato fatto da tutti i soggetti economici di quest’area nei mesi passati e che è riassunto nel documento “Una strategia "dal basso" per sostenere l'economia del territorio” sottoscritta da tutti i componenti del Tavolo provinciale di coordinamento per la Programmazione economica. Già domani – conclude Rossi – concorderemo con l’assessore Donati una data per un incontro con i componenti del Tavolo stesso in cui condividere priorità operative in relazione alle risorse di cui potremo disporre”.

domenica 14 settembre 2008

IMPRESE/ PMIMARCHE: ATTIVI NUOVI BANDI PER LE PMI MARCHIGIANE

ASCOLI PICENO - PmiMarche mette a conoscenza delle imprese che l’UE ha assegnato alla Regione Marche dei fondi da utilizzare per gli incentivi alle imprese. Le risorse devono essere utilizzate per gli investimenti da effettuare nel periodo 2007-2013. I bandi dovevano quindi essere pubblicati a partire dal 2007. Come consuetudine della nostra p.a. ci sono stati dei ritardi nell’approvazione dei bandi i quali sono stati pubblicati a cavallo delle ferie 2008. Un bando è stato emanato alla fine di giugno 2008 mentre gli altri sono stati pubblicati il 7 agosto 2008. Questo ha comportato che dal 26 settembre al 20 ottobre 2008 scadranno quattro bandi del POR 2007-2013. Visto che le scadenze erano poche sempre nel mese di agosto è stato pubblicato il bando della LR 20 le cui domande scadranno il 26 settembre.La strategia di fondo è chiara: meno domande uguale a meno lavoro per esaminarle. In elenco citiamo le direttive dei suddetti bandi informando che i nostri uffici sono pronti alla ricezione di tali domande raccomandando tutte le imprese interessate di affrettarsi visti i tempi esigui per la lavorazione delle stesse. Sostegno al risparmio energetico e alla produzione di energia da fonti rinnovabili da utilizzare in contesti produttivi. Scadenza 10/10/2008. Sostegno agli investimenti eco-innovativi nel PMI. Scadenza 20/10/2008. Contributi per l’apprestamento di aree artigiane e per l’acquisto e la ristrutturazione di fabbricati da destinare ad attività artigiane. Scadenza 26/09/2008. Interventi per l’utilizzo dell’energia solare termica. Scadenza 26/09/2008. Interventi per il risparmio energetico. Scadenza 26/09/2008. Sul sito di PMIMARCHE sarà possibile scaricare una semplice scheda da compilare che ci consentirà di individuare le esigenze specifiche delle imprese e consigliarle sulle modalità operative da intraprendere. Per informazioni rivolgersi a PmiMarche ad Ascoli allo 0736-813284 o 3291097391 oppure via mail pmimarche@email.it; o consultando il sito internet: www.pmimarche.org .

sabato 13 settembre 2008

ASCOLI: PETRELLI DCA-PDL, LA COALIZIONE COSI' E' TROPPO A DESTRA


ASCOLI PICENO– “Silvio Berlusconi ha voluto una forte componente democratico cristiana nella maggioranza che sostiene il suo esecutivo per bilanciare l'ala conservatrice rappresentata da An. Anche ad Ascoli una coalizione credibile deve avere un’area Dc forte quanto almeno la destra. Chi pone veti del tutto infondati, fa il gioco della Sinistra e si rende inutile alla coalizione del Pdl, quindi meglio che rimanga fuori”. Così il segretario comunale della Democrazia Cristiana per le Autonomie, Francesco Petrelli, appresa la volontà di DestrAscoli di appoggiare la coalizione di centrodestra, diffida i rappresentanti della nuova formazione a porre veti a candidature centriste, perché le stesse avendo acquisito negli anni esperienza, capacità amministrativa negli enti locali e dignità politica, sono meritevoli quanto tutti gli altri del Pdl. “Se con noi venisse l'Udc, ci riusciremmo subito - spiega - altrimenti il processo sarà più lungo e non so quanto convenga né agli uni né agli altri. L'Udc si sta incamminando verso una costituente che replica una suggestione che dura da 15 anni. Il Patto per l'Italia, il Ppi, Democrazia europea, Cdu, Udr, Udeur, Rinnovamento italiano di Dini, tutte sigle che hanno tentato di ricostituire ad Ascoli la Democrazia Cristiana non riuscendoci”. “Il Pdl ascolano – prosegue - non è di destra e, comunque, destra non è una brutta parola. Solo in Italia si confonde destra e fascismo, dimenticando che il fascismo viene da sinistra. Bisogna coinvolgere l'Udc e c'è solo da guadagnarci. Diranno di sì? Benvenuti. Il Centrodestra ascolano è casa loro come mia, di An e di Fi, e di chi ci vuol venire, perché la coalizione non è ancora nata. Ciccanti ha “obiettivamente anche un'altra opzione, che è quella di allearsi con Brandimarti & company, incarnando un po’ il modello Prodi e cioè quello di un cattolico che mette il cappello sulla revence della sinistra contro il Centrodestra. Per carità, in politica tutto si può fare, ma all'Udc auguriamo di meglio e cioè di concorrere con noi alla costruzione del futuro di Ascoli, di ritrovarci, cattolici e laici, in un grande coalizione, che raccolga il meglio dell'eredità democristiana e resti in campo a lungo. L'alternativa è fare noi un PdL sbilanciato a destra, Ciccanti un centro senza abbastanza voti, restare divisi e trovarci ogni tanto a ricordare i grandi della Dc ascolana che, a differenza nostra, hanno fatto meno cronaca e più storia”. “Il modello? Alemanno è stata la sintesi migliore di una destra di governo che sposa il cattolicesimo sociale: la sua vittoria è anche una rivincita della Dc”.

FOLIGNANO/ NUOVA SEDE ED ORARI PER I CORSI DI MINIBASKET


FOLIGNANO – Cambia la sede e cambiano gli orari dei corsi di minibasket dell’associazione sportiva di Folignano, presieduta da Raffaela Depergola, che si occuperà di divulgare con finalità sociali la disciplina del basket tra i più giovani abitanti del territorio. A partire da questo martedì 16 settembre alle ore 17 i corsi si svolgeranno presso la palestra della Struttura Integrata a Villa Pigna (quella davanti al Palazzotto dello Sport) più adatta alle esigenze dei più giovani. Al Folignano Basket, l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Pasquale Allevi, grazie alla sensibilità mostrata dall’assessore allo sport, Argeo Iachini, che ha riconosciuto le finalità sociali dell’Associazione presieduta dalla Depergola, ha concesso ben quattro ore settimanali presso la palestra della Struttura Integrata a Villa Pigna: il martedì dalle 17 alle 19 ed il venerdì dalle 18 alle 20. “L’attività della nostra Associazione – ha affermato Maurizio Caponi, direttore tecnico del nuovo team folignanese, nonché noto allenatore di basket con una grande esperienza di vivai e settori giovanile tra Marche ed Abruzzo, questa stagione in C2 alla guida tecnica di una delle più importanti compagini di C2, l’Ascoli Basket, presieduto dal noto commercialista Luigi Prevignano - riguarderà all’inizio soprattutto i più piccoli, bambini e bambine nati dal 1996 al 2003, ovvero le categorie Pulcini e Paperine, Scoiattoli e Libellule, Aquilotti e Gazzelle fino ad arrivare agli esordienti, seguiti da un team di collaboratori tecnici coordinati da un istruttore federale di che ha frequentati i corsi ed è regolarmente tesserato”. “A sostenere il nostro progetto sportivo – ha affermato la De Pergola - che punta anche al sociale, c’è anche un importante Associazione di categoria per la piccola e media impresa, PmiMarche, che nella persona del direttore generale Andrea Calvaresi e del presidente Domenico Fratoni ha approntato un programma di sviluppo promozionale per tutti i giovani figli di lavoratori dipendenti ed autonomi: soli 10 euro di contributo spese al mese, iscrizione una tantum di 30 euro, avviamento all’attività sportiva gratuito ed un kit in regalo al momento dell’iscrizione all’Associazione. Per informazioni ed iscrizioni ci si può rivolgere fin da subito a Maurizio al numero di telefono 335.8191372 oppure a Francesco al 3335413490 o per fax 1782277707 o email a folignanobasket@tiscali.it e si può anche consultare il sito internet http://folignanobasket.blogspot.com/.

giovedì 11 settembre 2008

ALIMENTARI/ ARCO CONSUMATORI MARCHE: PETROLIO E ZUCCHINE


di ANDREA CALVARESI*
ASCOLI PICENO - Mentre scrivo, il prezzo del barile di petrolio greggio è attorno ai 115 euro. Mi auguro che all'uscita Di quest’articolo sia rimasto tale, o magari sia un po' sceso. Ma non ci conto. Per un Paese come l'Italia, che privilegiò il petrolio come fonte principale per produrre energia, è una tragedia. Anche il gas naturale, oggi molto utilizzato nelle centrali termoelettriche, ha il prezzo base strettamente legato al greggio. Le associazioni agricole hanno già fatto i calcoli: con il greggio a 115 euro l'aggravio dei costi di produzione sarà dell' 8/9%. Ma qui comincia il dramma. Facciamo un po' di conti: il produttore agricolo marchigiano non associato che attualmente riceve dal secondo anello della filiera un compenso di 0,15-0,20 euro/Kg per le zucchine in campo, con gran fatica potrà ottenere un compenso aumentato del 9%. Prendere o lasciare. La paura è cattiva consigliera e si cede al prezzo precedente. Magari corrisposto a data da destinarsi. Ma i guai per il consumatore finale cominciano ora. Il primo commerciante acquirente, memore della notizia sull'aumento di 8 punti del greggio, aggiungerà tale quota alla percentuale che normalmente si riserva. La medesima operazione la farà il grossista regionale, e anche l'autotrasportatore (forse è quello che effettivamente ha una lievitazione dei costi per il gasolio consumato dal suo autoarticolato nel viaggio verso i mercati). La cosa si ripete all'arrivo ai grandi mercati ortofrutticoli, con il passaggio della merce da un commissionario all'altro, fino al banco di vendita. L'8% di maggior costo iniziale, magari neppure corrisposto all'agricoltore, diviene un 8% addizionale per ogni passaggio dell’ahimè troppo lunga filiera. Le zucchine verdi scure che sul banco dell'ortolano avevano ai primi di marzo prezzi variabili da 1,90 a 2,40 euro/Kg e sono arrivate ai 2,60-3,00 euro/Kg, con aumenti ben superiori del 9% denunciato. Cosa si può fare per fermare questo andamento che sta mettendo in crisi larghi strati di popolazione e produce un ulteriore scossone alla già traballante economia italiana? La risposta non è semplice. Tecnicamente i prezzi sono liberi. Ma le organizzazioni sindacali agricole, attraverso i loro ben attrezzati uffici di ricerca e sviluppo, possono, anzi devono, monitorare, in fattiva collaborazione con le associazioni dei consumatori, l'obbligatorietà delle filiere che, a parere di molti, sono troppo lunghe e a volte anche opache. Favorendo nel contempo, là dove non è già stato fatto, la formazione di cooperative di produttori che coltivino, lavorino e commercino direttamente con i commissionari degli ortomercati, i frutti del loro lavoro di cooperanti. La gdo, che per sua capacità imprenditoriale ha già di fatto accorciato le filiere produttive e distributive, dovrà prendere in seria considerazione l'opportunità politica di ridurre il margine di guadagno, operando in emergenza economica come l'attuale, una marcata calmierizzazione sui prezzi dei prodotti di largo e obbligato consumo. L'esempio viene dall'alto. Le strutture pubbliche devono, dal canto loro, sviluppare capillarmente la vigilanza e il controllo sulla regolarità delle normative sanitarie e fiscali per ogni passaggio. Potrebbe essere un buon motivo per semplificare ed economizzare il lungo viaggio della zucchina dal campo alla tavola.

*Presidente Arco Consumatori Marche

mercoledì 10 settembre 2008

S. BENEDETTO DEL T./ PERSONALE DI CAMAIONI ALLA GALLERIA D'ARTE GENUS

SAN BENEDETTO DEL TRONTO - Inaugura a San Benedetto del Tronto, Domenica 14 Settembre alle ore 18:00, presso la Galleria d'Arte Genus, la mostra personale “Planet Food – Construction and Destruction”, che presenta il nuovo lavoro del giovane artista Daniele Camaioni. “Camaioni costruisce inquadrature minime attraverso l'uso architettonico di svariati alimenti. Crea mondi che non esistono ma che evocano le molteplici derive dell'ecosistema in pericolo. E allora ecco che la cosa più ovvia del nostro vivere, il cibo, trasforma lo sguardo verso il mondo in un assurdo viaggio tra una molteplicità di elementi commestibili. Un mondo che potrebbe non esserci ma che sottolinea una chiave interpretativa del paesaggio nell'arte contemporanea. Un'ecologia del mistero dove il micro diventa macro e viceversa, dove la falsificazione sembra più viva del vero, dove il flusso biologico converte le sue consuete fisionomie.” Il progetto artistico di Camaioni, Planet Food, nato nel 2003 e sviluppatosi fino ad oggi, attraversa nel tempo importanti metamorfosi. Landscapes di zucchero vitreo nel 2004, approdano in questi ultimi anni all'artificiosità di ambienti glaciali, di visioni galleggianti dalle cromie accese. In quest'ultimo lavoro presentato in mostra alla Galleria d'Arte Genus, Camaioni ci pone davanti ad un'atmosfera nuova, rarefatta e contemplativa, che suggerisce la possibilità della presenza umana...con la sua grande forza costruttiva e al contempo distruttrice.

ASCOLI PICENO/ GIOVANI ARTISTI PICENI IN MOSTRA A BRATISLAVA

ASCOLI PICENO - Promuovere all’estero i giovani artisti piceni. E’ con quest’intento che la Galleria d’Arte Contemporanea Villa Picena inaugurerà a Bratislava, il prossimo 18 settembre all’Istituto Italiano di Cultura della capitale slovacca, una interessante mostra collettiva, che vedrà protagoniste le opere di tre artisti diversi ma accomunati dalla capacità di “trasformare”: Daniele Camaioni, Alessandro Grimaldi e Massimiliano Orlandoni. Il percorso espositivo spazia dalla fotografia all’arte digitale, e sarà quindi possibile assistere alle trasformazioni dei paesaggi e delle nature morte, dei ritratti e dei nudi, attraverso gli occhi e le tecniche di artisti che, sebbene giovani, hanno già raggiunto traguardi importanti. Se Orlandoni mette alla base del proprio lavoro la fotografia, trasformandola poi con un intervento pittorico bianco che va a coprire le parti più scure dell’immagine, Camaioni fotografa il cibo, per poi trasformarlo in un paesaggio metafisico. Di tutt’altro genere è invece la mutazione che troviamo nel lavoro di Grimaldi: l’artista in questo caso utilizza immagini già esistenti, le decontestualizza - le estrapola dal suo contesto originale - per poi reinserirle in un suo progetto; in questo modo l’immagine mantiene l’aspetto originale ma il suo significato risulta completamente trasformato.

GIULIANOVA/ AMMINISTRATORI A CONVEGNO SUL CONDOMINIO


GIULIANOVA – Sinteg, Servizi Immobiliari Integrati, in collaborazione con lo Studio Geco, gestione e consulenza condomini, organizza venerdì 19 novembre 2008 un convegno per discutere le problematiche e gli aspetti relativi all’evoluzione dell’amministrazione condominiale. L’appuntamento è presso il Grand Hotel Don Juan di Giulianova, venerdì 19 novembre 2008 alle ore 15,00. Il convegno sarà intitolato “Evoluzione del mercato dei servizi immobiliari”, ad aprire le discussioni sarà il Dott. Del Piccolo Umberto, titolare dello studio GECO, che saluterà i partecipanti. Numerosi e di grande rilevanza gli interventi previsti: oltre al fondatore e presidente Sinteg, vi sarà la partecipazione del Prof. Parisio Di Giovanni, docente della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università di Teramo, dei dott. De Gennaro e dott. Menozzi direttori dell’Agenzia delle Entrate di Atri e Giulianova e dell’avv. Luigi Salciarini, membro del centro studi nazionale Anaci (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari). Previsti anche gli interventi del dott. Sergio Gaglianese, responsabile Sinteg Calabria, dell’arch. Felice Sorgendone, responsabile del settore tecnico Sinteg Abruzzo. Tra gli argomenti trattati, vi saranno l’evoluzione del mercato dei servizi immobiliari, l’impatto delle nuove strutture di gestione sul mercato italiano, la fiscalità nel condominio, la Corte di Cassazione come legislatore condominiale, i servizi immobiliari: la realtà calabrese, la documentazione tecnica a sostegno del comparto amministrativo e il mercato dei servizi immobiliari in Abruzzo.

PROGRAMMA DELL’EVENTO - TEMI TRATTATI

Evoluzione del mercato dei servizi immobiliari
Di Castri Francesco: fondatore e presidente SINTEG

L’impatto delle nuove strutture di gestione sul mercato italiano
Prof. Parisio Di Giovanni: docente della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università di Teramo

La fiscalità nel condominio
Dott. De Gennaro e Dott. Menozzi – direttori Agenzia delle Entrate di Atri e Giulianova
dall’interpretazione del diritto alla creazione delle regole: la Corte di Cassazione come legislatore condominiale
Avv. Salciarini Luigi – membro del centro studi nazionale ANACI

Servizi immobiliari: la realtà calabrese
Dott. Gaglianese Sergio – responsabile SINTEG Calabria

La documentazione tecnica a sostegno del comparto amministrativo
Arch. Sorgentone Felice – responsabile settore tecnico SINTEG Abruzzo e GECO

Il mercato dei servizi immobiliari in Abruzzo
Dott. Del Piccolo Umberto – responsabile SINTEG Abruzzo

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONISINTEG regione Abruzzo
c/o studio GECOVia Manzoni, 287 64026 Roseto degli Abruzzi (TE) Numero verde 800 134 918 info@geco.abruzzo.it - http://www.geco.abruzzo.it/

ASCOLI PICENO/ QUINTANA, S'ARRICCHISCHE LA GALLERIA DEI COSTUMI STORICI

ASCOLI PICENO - Un nuovo “pezzo” si è aggiunto alla galleria dei costumi storici della Quintana in mostra nella sede dell’Ente in piazza Arringo. Si tratta del costume del console di Borgo Solestà, Emilio Nardinocchi, una delle figure storiche della Quintana. Un “pezzo” davvero importante che il sestiere di Borgo Solestà ha voluto fosse esposto insieme con le altre, importanti, vesti che hanno fatto la storia della nostra rievocazione. Il Museo dei costumi storici, ospita, infatti, tra gli altri, il costume dell’avv. Giulio Franchi che fu uno dei padri fondatori della manifestazione, del Mossiere, Rirì Angelini, del Provveditore di Campo Mimì Cappelli, dei Consoli della Piazzarola Flaiani e Marcello Ciabattoni e poi ancora il costume d’Innocenzo Cenciarini, di Mario Vitelli, console dei Porta Maggiore, di Nino Aleandri, console di Porta Romana, di Nazzareno Peci e la corazza che Alvaro Pespani indossò nella prima Quintana del 1955. Il Museo dei costumi storici consente una singolare, felice, rilettura della Quintana e della sua evoluzione ma anche un amarcord di personaggi che hanno contribuito a renderla famosa in Italia.

ASCOLI PICENO/ AL VIA IL MASTER UNIVERSITARIO SUI MIGRANTI

ASCOLI PICENO - La Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Macerata, in collaborazione con il Consorzio Universitario Piceno, la Regione Marche e gli Assessorati alle Politiche Sociali e Formazione Professionale della Provincia di Ascoli Piceno, organizza la seconda edizione del master universitario di I° livello in “Studi migratori e politiche per i migranti”. Il master, che offre la possibilità di conseguire una qualificazione professionale specifica per svolgere un ruolo di rilievo nel mondo dell’immigrazione, affronta il complesso fenomeno migratorio in una prospettiva multi-disclipinare e mira, tra l’altro, a far acquisire quegli strumenti operativi e professionalizzanti utili nei servizi per l’integrazione attivati nell’ambito di istituzioni pubbliche, nel privato e nel terzo settore. Le lezioni avranno inizio il 7 novembre e si concluderanno nel giugno 2009. L’attività didattica si terrà per la parte teorico-generale presso la sede centrale della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Macerata e, per la parte pratico-operativa, nella sede distaccata della Facoltà a Spinetoli. Il corso, di durata annuale e pari a 1500 ore di impegno complessivo, sarà anche articolato in seminari, esercitazioni individuali o di gruppo, attività pratica (stage della durata di 300 ore) ed in un “project work” attinente all’esperienza maturata durante l’esperienza professionale vissuta nel periodo di formazione. Requisito fondamentale per l’ammissione è il possesso del diploma di Laurea di primo livello o titolo equivalente. Le domande di ammissione devono pervenire entro e non oltre le ore 14 del 4 0ttobre. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all'Ufficio Organizzazione della Facoltà di Scienze Politiche, Piazza Strambi 1 - 62100 Macerata o consultare i siti del Servio Politiche sociali della Provincia all’indirizzo http://www.provincia.ap.it/polsoc/immigrazione2.asp o dell’Università o www.unimc.it/master/migranti.

ASCOLI/ BUON COMPLEANNO LORENZ TRA TEATRO E MUSICHE DI FLAKSMAN

ASCOLI PICENO – Teatro, musica e gastronomia sono gli ingredienti principali del Party dei tre lustri di Lorenz Cafè, l’ormai celebre ritrovo in Piazza del Popolo ad Ascoli Piceno, che stasera, venerdì 12 settembre, a partire dalle ore 19 catalizzerà l’attenzione dell’intero Centro storico cittadino.
Il programma dei festeggiamenti di questo tradizionale appuntamento di fine estate è ricchissimo ma la novità assoluta di quest’anno, fortissimamente voluta dalla Direzione del locale di Primo Valenti, è la messa in scena di una popolare opera teatrale l’Amleto in trattoria di Achille Campanile. La rappresentazione, diretta dal maestro Tonino Simonetti e che vedrà sulla scena gli attori Gianfranco Fioravanti, Monica Castelli, Gabriele e Sergio Lupi, Michela Caputo e Felicita Angelini, si aprirà alle 21 e riguarderà una sequenza di quadri comici ambientati all’interno di un ristorante.
Il filo conduttore dell’intera serata, a modo di un tabarin cafè, sarà invece quello musicale che per la parte classica sarà curato dall’illustre maestro Michael Flaksman per il quale crediamo non ci sia bisogno di presentazioni, un grande musicista di livello mondiale innamorato della nostra città. Flaksman guiderà l’attore principale, lo straordinario pianista argentino José Gallardo, personaggio di primissimo piano pluripremiato in tutto il mondo per la sua arte non ultimo il concerto da solista in febbraio in onore del presidente della Repubblica Napolitano trasmesso da Rai 2. Il musicista sudamericano suonerà un ventaglio di musiche dal tango argentino allo jazz storico di Gershwin poi altre sorprese che il maestro Flaksman ha promesso di riservare. A caratterizzare la festa, soprattutto nelle ore più piccole, quelle preferite dai nottambuli ascolani, sarà invece noto dj sul cui nome v’è riserbo, ma si tratta di un personaggio molto gradito ai più giovani.
Per tutti coloro che interverranno alla serata la Direzione del Lorenz riserverà un offerta tipica dei migliori locali dell’Andalusia, ovvero a fronte dell’ordine di bevande alcoliche e non, ai clienti saranno servite ostriche al ghiaccio e pasta allo scoglio, preparate dallo chef di casa, Lanfranco.Teatro, musica e gastronomia sopraffina saranno insomma le grandi attrattive di questo party che sulla scorta degli anni passati coinvolgerà migliaia di ascolani e non solo, assicurando una serata sicuramente diversa che si protrarrà fino a tarda notte. “Dopo la splendida stagione lavorativa di quest’anno – afferma Valenti – è con grande piacere che abbiamo voluto dar seguito a questo appuntamento arrivato ormai alla quinta edizione rappresentando così per i nostri clienti e per tutti gli ascolani una vera e propria tradizione. Essendo poi questo il nostro quindicesimo anno d’attività viene da solo che per noi il party di stasera ha tutto un sapore particolare e per questa ragione crediamo di aver fatto del nostro meglio producendoci in uno sforzo organizzativo che siamo fiduciosi incontrerà il favore dell’intera nostra clientela, cioè non sarà solo una festa per i più giovani ma anche per chi della vita assapora fasi diverse. Per essere sicura della riuscita ci siamo avvalsi della collaborazione di importanti maestri di musica e teatro”.

martedì 9 settembre 2008

ASCOLI P./ PETRELLI (DCA-PDL): CONGRATULAZIONI A CATALUCCI (SINISTRA DEMOCRATICA)

ASCOLI PICENO –“Desidero esprimere le mie più vive congratulazioni a Mimmo Catalucci per l’elezione a coordinatore comunale del Movimento”. Lo dichiara in una nota il segretario comunale della Democrazia Cristiana per le Autonomie verso il Popolo delle Libertà, Francesco Petrelli, subito appena dopo aver appreso dell’elezione all’unanimità di Catalucci dagli organi di stampa.

domenica 7 settembre 2008

FERMO/ ENDRIO MANCINI E’ IL NUOVO SEGRETARIO PROVINCIALE DELLA DCA-PDL

FERMO – Endrio Mancini, già per due volte Assessore al Comune di Montegranaro, dov’è attualmente consigliere comunale di maggioranza, nonché membro del Consiglio di amministrazione dell’Ato4 Alto Piceno Maceratese è il nuovo segretario provinciale della Democrazia Cristiana per le Autonomie verso il Pdl di Fermo. La nomina è maturata ad unanimità nei giorni scorsi in seno alla Segreteria regionale con l’avallo del segretario nazionale l’onorevole Gianfranco Rotondi, attuale Ministro per l’attuazione del programma del Governo guidato da Silvio Belrusconi. Alla nomina di Mancini oltre al Commissario regionale, il senatore Mauro Cutrufo, attuale vicesindaco di Gianni Alemanno a Roma, è stato determinante il favore del Commissario regionale vicario, nonché Coordinatore regionale Silvano Martinotti, su indicazione unanime delle altre Segreterie provinciali di Ascoli Piceno, Macerata, Ancona e Pesaro Urbino. “Il dottor Mancini – ha affermato Martinotti –, che aveva già ricoperto in passato le mansioni di Segretario provinciale nella fase di avvio del partito, si è detto onorato di tale incarico in questa fase delicata di organizzazione della nuova Provincia di Fermo ed alla vigilia dell’assetto definitivo della Popolo della Libertà, di cui la Dca è fondatore. Mancini è innanzitutto persona molto nota e stimata in tutto il territorio fermano, oltre che uno stimato professionista di Montegranaro che vanta un curriculum politico ed amministrativo assolutamente di rilievo avendo ricoperto per ben due legislature l’incarico di Assessore presso il Comune di Montegranaro oggi governato dal sindaco Gianni Basso e dove attualmente Mancini è consigliere comunale di maggioranza. Il nuovo segretario della Dca è inoltre membro di spicco del Consiglio di amministrazione dell’Ato4, Alto Piceno Maceratese.“Il mio intento – ha dichiarato Mancini alla Segreteria marchigiana della Dc di Rotondi - è quello di mettere la mia esperienza personale e l’organizzazione della Dca sull’intero territorio provinciale a disposizione del nascente Pdl, partecipando con gli amici di Forza Italia, Alleanza Nazionale e degli altri partiti minori alla costituzione e costruzione dei vari organi del partito destinato a svolgere un ruolo di primo piano nella nuova provincia di Fermo ed in tutti i suoi Comuni. Mia intenzione è sicuramente quella di espletare il mio mandato all’insegna della concordia e nell’ottica del raggiungimento degli obiettivi condivisi con le forze politiche alleate. L’importante appuntamento della nascita della nuova Provincia di Fermo e del Pdl ci impone di arrivare in tempi rapidi alla formazione di coordinamento provinciali e comunali al fine di elaborare programmi unitari per l’avvio del nuovo Ente”.

sabato 6 settembre 2008

CASTEL DI LAMA/ IN MIGLIAIA ALL’ECOFESTA DELL’ARCO


CASTEL DI LAMA – Ha registrato ancora un grande successo con migliaia di visitatori l’iniziativa di sensibilizzazione per il risparmio energetico e la raccolta differenziata dell’Arco Consumatori Marche, presieduto da Andrea Calvaresi nell’ambito della Fiera del SS. Crocifisso di Castel di Lama che si concluderà oggi domenica 7 Settembre. A far visita allo stand dell’Arco è arrivato anche il vicepresidente del Consiglio regionale, l’avvocato Vittorio Santori, accompagnato da Mauro Cori, presidente del Circolo bruno Caraffa di Castel di Lama. “Quello delle Ecofeste – hanno affermato Calvaresi e Francesco Petrelli, rispettivamente presidente e vice dell’Associazione consumatori - è un progetto sperimentale nella regione Marche ma che sta riscontrando notevole successo in Abruzzo da alcuni anni. L’Arco Consumatori, ospite del comitato Fiera del SS. Crocifisso per volontà del presidente Giuseppe Traini che ha sposato il progetto Ecofeste di Arco Consumatori, aiutano gli organizzatori nell’intento di sensibilizzare le amministrazioni pubbliche ed i cittadini sui temi legati all’ambiente. Ricca è, infatti, l’offerta turistica delle città italiane, valorizzata anche da numerose iniziative, che spaziano dalle manifestazioni culturali alle sagre popolari, dalle feste patronali alle fiere, dalle rievocazioni storiche alle rassegne folcloristiche. In ognuno dei suoi piccoli o grandi centri troviamo suggestive manifestazioni da scoprire. Questi eventi hanno un loro peso ambientale, che spesso si trascura o non si considera affatto. In queste situazioni si produce una mole considerevole di rifiuti, soprattutto di piatti, posate e bottiglie di plastica, avanzi di cibo, carte e cartoni, lattine, oli vegetali esausti, vi è un dispendio enorme di energia, i suoni sono ben superiori alle norme di legge, vi è poca attenzione all’igiene… e quindi un “peso” sull’ambiente, che merita un adeguata attenzione”. “In tali occasioni – hanno proseguito -, dedicare un po’ di attenzione e di impegno all’ambiente, contribuisce sicuramente a tutelare e salvaguardare il patrimonio naturale e favorisce anche un giusto rapporto tra uomo ed ambiente. Inoltre è un ottimo strumento per veicolare un importante messaggio di educazione ambientale e di rispetto per la natura. Solo se i consumatori orienteranno la loro domanda verso prodotti e servizi ecologicamente superiori ed accetteranno di pagare un prezzo maggiore, che include anche il reale costo ambientale, si potrà raggiungere concretamente l’obiettivo ambizioso di produrre beni ad impatto ambientale quasi pari a zero”. “Per favorire questo cambiamento – hanno concluso - è fondamentale fornire ai cittadini-consumatori tutti gli strumenti e le informazioni necessarie per conoscere e capire i problemi ambientali, le soluzioni ed il contributo che possono apportare”. Nell’ambito della Fiera del SS Crocifisso di Castel di Lama l’arco Consumatori Marche ha distribuito gratuitamente a tutti i visitatori dello stand un kit per il risparmio energetico offerto dall’lbc New Enegy.

MONTEMONACO/ UN SUCCESSO IL CAMPOSCUOLA DELLA PARROCCHIA S. GIACOMO DELLA MARCA DI FOSSO DEI GALLI


MONTEMONACO - Estate, tempo di vacanze, svago e divertimento. Quando queste tre cose collimano in una lezione di vita, ecco che si parla di Camposcuola. Un successo per quello organizzato dalla Parrocchia S. Giacomo della Marca di Fosso dei Galli. Venti i bambini dalla 4 elementare alla 1°media che hanno condiviso 10 giorni a San Lorenzo Di Vallegrascia, frazione di Montemonaco, luogo ricco di storia e tradizioni, tra passeggiate, giochi, laboratori, immersi nel verde con i Monti Sibillini a fare da sfondo. “Anche quest’anno ce l’abbiamo fatta, ha detto il Parroco Don Alfonso Rosati. Un camposcuola perfetto sotto ogni aspetto. Un grazie di cuore a Mario, Debora, Romina e Luciano che hanno fornito lenzuola,asciugamani, tovaglie oltre a ripulire tutte le coperte presenti,ad Alessandra e Luciano per il loro aiuto nell’organizzazione, senza i quali non ce l’avremmo fatta! Un grazie a Suor Lourdes “imbarcata”all’ultimo momento, agli animatori della Parrocchia Annunziata e Pagliare del Tronto a tutti i genitori che ci hanno sostenuto, all’Amministrazione Comunale di Monteprandone e agli sponsor che anche quest’anno non hanno fatto mancare il proprio sostegno con prodotti di 1° scelta.: agli abruzzesi,Agriservice, Costantini, Monti, Sapori Veri, Giansante ai marchigiani, Fratoni, Spinosi, Migliori, Vitali, Cappella, Aiellini, Sia, Altasfera.. Un camposcuola multiparrocchiale , che apre sicuramente ad una revisione dell’organizzazione dei Camposcuola ed una collaborazione fattiva fra le varie Parrocchie, e una suora concezionista, Suor Maria Lourdes, come animatrice che è riuscita a coinvolgere i bambini nelle varie attività proposte, facendo venir fuori la loro creatività e manualità, ha dato a questo Caposcuola quel qualcosa in più che tradotto sta a significare spontaneità, responsabilità, collaborazione da parte dei bambini, che si sono detti entusiasti per l’esperienza vissuta pronti a ripartire per una nuova avventura insieme. Superata la pausa estiva ci ritroveremo insieme per organizzare l’edizione 2009, ha concluso Don Alfonso. La speranza è quella di fare sempre meglio”.

ASCOLI PICENO/ SILVESTRI PRESENTA LE LINEE PROGRAMMATICHE PER LE SCUOLE ASCOLANE

ASCOLI PICENO - Le linee programmatiche e progettuali dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione per il nuovo anno scolastico 2008/2009, che riguardano tutte le scuole: dagli asili nido alle scuole secondarie, saranno illustrate dall’assessore Gianni Silvestri nel corso di una conferenza stampa in programma martedì prossimo, 9 settembre, alle ore 11.30, presso la sala Massy del palazzo dei Capitani del Popolo. “Si tratta di un programma molto più ampio e articolato rispetto agli scorsi, con nuove idee e tanti nuovi progetti accanto ad altri ormai consolidati – ha commentato l’assessore Gianni Silvestri – per venire sempre di più incontro alle diverse realtà della scuola, spaziando su vari temi di grande attualità. E’ un contributo di questa Amministrazione Comunale ad una scuola in costante crescita. Un contributo per favorire la crescita sociale e civica dei giovani ascolani e sempre in piena collaborazione con i dirigenti scolastici e il corpo insegnanti”.

CELANI: "IL DERBY ANCONA - ASCOLI E' L'OCCASIONE PER AVVIVINARE LE DUE TIFOSERIE"

di PIERO CELANI*
ASCOLI PICENO - Sarebbe riduttivo parlare di Ancona – Ascoli come di un semplice incontro di calcio. Ancona - Ascoli è il derby. Il derby delle Marche, che torna dopo un’assenza di cinque anni. Ma è anche e soprattutto l’occasione per dimostrare, a quanti assisteranno allo spettacolo sugli spalti dello stadio Del Conero e in tv, del nostro grado di civiltà sportiva. Al di là del sano tifo, dell’incitamento civile alla propria squadra, è questa l’occasione per avvicinare le due tifoserie, con la volontà comune di riportare il tutto nell’ambito di un sano avvenimento sportivo. Il valore di un evento sportivo oggi, purtroppo, si è spostato dal competere al vincere, dal prendere parte ad una gara al distruggere l’avversario, dal gareggiare bene al raggiungere il primato assoluto.C’è il rischio di perdere nello sport quel senso del gioco collettivo che è un simbolo ed una metafora della civiltà. La vittoria è certamente un obiettivo naturale ma il primato è diventato qualcos’altro che spesso nulla ha a che vedere con lo sport. E’ diventata una sorta di ossessione che rischia di avere la meglio sulla cultura del buon senso. Domenica, invece, abbiamo l’occasione per una sana promozione dello sport e per riaffermare i valori di grande civiltà che da sempre contraddistinguono Ascoli ed Ancona. E’ con questi sentimenti che mi accingo a tifare Ascoli, nella certezza che come me, tutti, ascolani e anconetani, siano accomunati dalla stessa volontà di partecipare ad una serena giornata di sport. E’ l’occasione per promuovere la cultura della solidarietà e della tolleranza e per dimostrare che è possibile un derby senza veleni e senza violenza. Un derby che proponga solo una sana rivalità sportiva. Un derby che, prima ancora dai colori bianco-neri o bianco-rossi, sia vinto dalla civiltà. Che vinca lo sport quindi, con tutti noi, sugli spalti, impegnati ad esaltare le regole della correttezza e della lealtà sportiva. Ma come sindaco di Ascoli e tifoso della sua squadra di calcio, un solo grido: Forza Ascoli!
*Dr. Ing. Piero Celani, Sindaco di Ascoli Piceno

giovedì 4 settembre 2008

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO/ TASSOTTI: REGALATI OLTRE 2 MILIONI DI EURO ALLA REGIONE


ASCOLI PICENO – “Il presidente della Provincia di Ascoli Piceno, Massimo Rossi, dopo aver bastonato gli ascolani costringendoli ad accollarsi un esubero di personale rispetto a Fermo che costerà tra i 35 e i 40 milioni di euro, ora regala alla Regione Marche anche oltre 2 milioni di euro, tanto i soldi sono dei cittadini”. Lo dichiara Raffaele Tassotti, capogruppo in Consiglio provinciale della Democrazia Cristiana per le Autonomie verso il Pdl.
“Per una antica vertenza giudiziaria tra la Provincia di Ascoli Piceno e la Regione Marche – spiega Tassotti che della Dca dell’attuale Ministro per l’Attuazione del programma, Gianfranco Rotondi, è anche segretario provinciale - a causa di una mancata corresponsione di contributi e conseguentemente ad una sentenza del Tribunale di Ancona risalente a ben 15 anni or sono, il lontano 1993, si è maturato il diritto ad un rimborso omnicomprensivo di 4376803,00 euro riconosciuto dalla stessa Regione Marche all’Ente provinciale”.
“Ora la Provincia di Ascoli Piceno – prosegue -, da sempre penalizzata per i trasferimenti tra tutte le province marchigiane, tanto che solo pochi mesi fa il presidente Massimo Rossi faceva il diavolo a quattro contro Spacca, Agostini e compagni, accetta un accordo transattivo di poco più di 2 milioni di euro, meno della metà del dovuto, consistente nel trasferimento alla provincia del complesso di Colle San Marco stimato 1086000,00 euro, l’immobile ex Ufficio provinciale per il turismo di valore 452000,00 euro e la corresponsione di 662000,00 euro da liquidarsi in due quote sino al 2010! La Regione Marche, corresponsabile della divisione della provincia, che avrebbe dovuto mettere in atto iniziative di sostegno finanziario con provvedimenti specifici, al fine di agevolare l’iter delle due nuove province, non solo è stata totalmente assente, ma beneficia anche di uno sconto di oltre 2 milioni di euro che la Giunta di sinistra del Piceno guidata dal rifondatore comunista Rossi le fa”.“Probabilmente – conclude il Consigliere provinciale - poi tali beni dovranno rientrare nuovamente nella divisione con Fermo. Insomma il presidente Rossi, dopo aver bastonato gli ascolani costringendoli ad accollarsi un esubero di personale rispetto a Fermo che ci costerà tra i 35 e i 40 milioni di euro, ora fa anche i regalini alla regione, tanto i soldi non sono i suoi”.

ASCOLI PICENO/ SETTEMBRE IN MUSICA SI PRESENTA

ASCOLI PICENO - Tutto pronto per la 12^ edizione di “Settembre in musica”, in calendario dall’11 settembre al 6 ottobre. Il programma di questo importante appuntamento con la musica, verrà presentato domani, venerdì 5 settembre, alle ore 12, dal vice sindaco ed assessore alla Cultura, Andrea Maria Antonini, nel corso di una conferenza stampa presso la sala degli Stemmi del palazzo dei Capitani del Popolo. Con l’assessore Antonini saranno presenti il profesor Gaetano Rinaldi, presidente dell’Associazione Ascoli Piceno Festival che organizza “”Settembre in musica”, il direttore artistico Michael Flaksman, violoncellista di fama mondiale, e la coordinatrice dell’organizzazione, Gina Quattrini. Particolarmente intenso il cartellone di quest’anno che prevede ben 21 concerti serali accanto a quelli pomeridiani dei "Percorsi Piceni". In programma, tra l’altro, anche l'interessante iniziativa sociale "La musica solidale" che porterà la musica in due case di riposo.

mercoledì 3 settembre 2008

FOLIGNANO/ AL VIA I NUOVI CORSI DI MINIBASKET AL PALASPORT


FOLIGNANO – Prenderanno il via il prossimo lunedì 8 settembre alle ore 17 i primi corsi di minibasket dell’associazione sportiva di Folignano, presieduta da Raffaela De Pergola, che si occuperà di divulgare la disciplina del basket tra i più giovani abitanti del territorio. Al Folignano Basket, l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Pasquale Allevi, grazie alla sensibilità mostrata dall’assessore allo sport, Argeo Iachini, ha concesso ben quattro ore settimanali presso il Palazzetto dello Sport a Villa Pigna: il lunedì ed il giovedì dalle 17 alle 19. “L’attività della nostra Associazione – ha affermato Maurizio Caponi, direttore tecnico del nuovo team folignanese, nonché noto allenatore di basket con una grande esperienza di vivai e settori giovanile tra Marche ed Abruzzo, questa stagione in C2 alla guida tecnica di una delle più importanti compagini di C2, l’Ascoli Basket, presieduto dal noto commercialista Luigi Prevignano - riguarderà all’inizio soprattutto i più piccoli, bambini e bambine nati dal 1996 al 2003, ovvero le categorie Pulcini e Paperine, Scoiattoli e Libellule, Aquilotti e Gazzelle fino ad arrivare agli esordienti, seguiti da un team di collaboratori tecnici coordinati da un istruttore federale di che ha frequentati i corsi ed è regolarmente tesserato”. “A sostenere il nostro progetto sportivo – ha affermato la De Pergola - che punta anche al sociale, c’è anche un importante Associazione di categoria per la piccola e media impresa, PmiMarche, che nella persona del direttore generale Andrea Calvaresi e del presidente Domenico Fratoni ha approntato un programma di sviluppo promozionale per tutti i giovani figli di lavoratori dipendenti ed autonomi: soli 10 euro di costi al mese, iscrizione una tantum di 30 euro, avviamento all’attività sportiva gratuito ed un kit in regalo al momento dell’iscrizione all’Associazione. Per informazioni ed iscrizioni ci si può rivolgere fin da subito a Maurizio al numero di telefono 335.8191372 oppure a Francesco al 3335413490 o per fax 1782277707 o email a folignanobasket@tiscali.it e si può anche consultare il sito internet http://folignanobasket.blogspot.com/.